Dal Sudafrica, Yewande Omotoso presenta «Un lutto insolito» / Plurali Femminili

incontro
11.09.22
11.09domenica
h 18:30

Ultimo appuntamento di «Plurali Femminili», rassegna culturale che prende vita negli spazi delle Serre e vuole esplorare da una prospettiva intersezionale le dimensioni del femminile, della migrazione e delle identità in trasformazione.

📌 L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Wissal Houbabi, poeta, artista e scrittrice, appassionata di cultura hip hop e cultural studies.

📆 DOMENICA 11 SETTEMBRE 📆

Yewande Omotoso, scrittrice, architetta e designer sudafricana, presenta il suo nuovo libro «Un lutto insolito » (66thand2nd Editore).

Dialoga con la scrittrice Federica Zullo, esperta di letterature africane che insegna all’Università di Urbino. Traduce Margherita Carlotti.

È la storia di una madre che cerca di conoscere la figlia che non c’è più calandosi letteralmente nella sua vita: così riesce a comprendere meglio anche sé stessa, scavando a fondo nel dolore della perdita e nelle varie forme che assume, che possono essere anche trasformative e catartiche.

🤝🏼 In collaborazione La Confraternita dell’Uva e la Biblioteca Amilcar Cabral nell’ambito del Patto per la lettura di Bologna.

Ingresso libero.

🗓️ domenica 11 settembre, ore 18:30
La serre dei Giardini
via Castiglione 134
Bologna

📚 IL LIBRO

Yinka non c’è più. Quella sua figlia di una magrezza feroce, alta, bella, la stessa che da piccola passava ore a disegnare, concentrata in modo quasi innaturale sul foglio, è morta. Eppure Mojisola cosa sa davvero di lei, della donna che era diventata? Dopo che era andata via da Città del Capo, mesi prima, si erano sentite a malapena, telefonate brevi, le solite domande, le medesime risposte: «Sì, ho mangiato. Sì, ho fatto la spesa. Sì, mi copro bene. Il lavoro va bene. Io sto bene». Troppo poco per una madre.

E allora Mojisola va a Johannesburg, si aggira per l’appartamento della figlia, dorme nel suo letto, segue le tracce che ha lasciato sul computer, sul cellulare, come un detective in un poliziesco. Spuntano persone – il misterioso D-Man, con cui Yinka chattava in un sito di incontri, PM, due iniziali dietro cui si cela chissà chi, Zelda Petersen, la brusca padrona di casa con cui instaura un’amicizia a base di tè e marijuana. E dettagli – i disegni di Yinka, le sue abitudini, i suoi segreti.

Calandosi nei panni della figlia, vivendo letteralmente la sua vita, Mojisola riesce a comprendere meglio sé stessa, scavando a fondo nel dolore della perdita e nelle varie forme che assume, ma anche esplorando territori sconosciuti come il risveglio dell’erotismo in età matura, una nuova consapevolezza di sé e dei propri desideri. Una libertà, insomma, che non può cancellare la sofferenza ma può regalarle un futuro.

✍️ L’AUTRICE

Nata nell’isola di Barbados nel 1980 e cresciuta in Nigeria, Yewande Omotoso si è trasferita in Sudafrica con la famiglia nel 1992. Scrittrice, architetto e designer, ha pubblicato Bom Boy nel 2011, aggiudicandosi il South African Literary Award per la migliore opera d’esordio.

Un lutto insolito è il secondo libro dell’autrice pubblicato da 66thand2nd dopo La signora della porta accanto (2018), entrato nella longlist del Women’s Prize for Fiction 2017 e finalista dell’International Dublin Literary Award 2018.

Ingresso libero.

**

📌 Plurali Femminili nasce dalla collaborazione tra Kilowatt e CEFA Onlus, in continuità con il percorso intrapreso nel 2021 con il «Festival Inside Aut» sul tema dei nuovi immaginari legati alla migrazione, con il contribuito di Fondazione del Monte e Regione Emilia-Romagna, con la collaborazione di MUBI, ZOOPALCO, Patto per la lettura e la Confraternita dell’Uva.
Esplora da una prospettiva intersezionale le dimensioni del femminile, della migrazione e delle identità in trasformazione.
Uno sguardo ampio che si sviluppa attraverso sei serate (6 luglio – 11 settembre 2022 alle Serre) e che verrà raccontato grazie ai diversi linguaggi dell’arte: letteratura, musica, cinema, incontri per dare voce e spazio di espressione alle tante donne che vivono a diversi livelli una dimensione di marginalità, e rivendicano con forza il tentativo di costruire nuovi paradigmi identitari.

👉Programma completo

****

Le Serre d’Estate sono un progetto realizzato da Kilowatt e fanno parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città Metropolitana di Bologna-Territorio Turistico Bologna-Modena.

👉Programma completo degli eventi